Il trattato di pace tra Egitto e Israele, 35 anni fa

Il 26 marzo 1979 il Presidente dell’Egitto Anwar al-Sadat e il Primo Ministro di Israele Menachem Begin firmarono un trattato di pace, che pose fine allo stato di guerra tra i due Paesi iniziato nel 1948. Con il trattato di pace, l’Egitto divenne il primo Paese arabo a riconoscere Israele. In cambio, Israele si ritirò dalla penisola del Sinai, che occupava dal 1967.

La firma del trattato avvenne a Washington in presenza del Presidente degli Stati Uniti Jimmy Carter. Il trattato seguiva gli Accordi di Camp David conclusi il 17 settembre 1978 tra Egitto e Israele, che avevano condotto all’assegnazione del Premio Nobel per la pace a Sadat e Begin.

A seguito del trattato di pace, gli Stati Uniti cominciarono a collaborare strettamente con l’Egitto. Gli altri Paesi arabi e l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina criticarono fortemente la conclusione del trattato tra Egitto e Israele, ritenendola un tradimento della solidarietà araba e della causa palestinese. L’Egitto fu sospeso dalla Lega Araba per dieci anni.

Fonte dell’immagine: Wikimedia Commons

Annunci

1 commento su “Il trattato di pace tra Egitto e Israele, 35 anni fa”

I commenti sono chiusi.