Tutte le secessioni dal 1945 a oggi

Fino al 1990, le secessioni di stati furono estremamente rare. Il caso più importante fu quello del Bangladesh, che si separò dal Pakistan nel 1971 al termine di una guerra di liberazione molto dura. Gli altri casi riguardarono la dissoluzione di federazioni tra stati che durarono molto poco: il Senegal uscì dalla Federazione del Mali dopo solo due mesi dalla sua creazione nel 1960; la Siria uscì dalla Repubblica Araba Unita nel 1961 (la RAU era stata istituita nel 1958 e comprendeva Egitto e Siria); nel 1963 Zambia e Malawi uscirono dalla Federazione della Rhodesia e del Nyasaland, che era stata creata dieci anni prima. Queste federazioni costituirono dei tentativi per superare alcuni problemi coloniali e post-coloniali.

60606060

La dissoluzione dell’Unione Sovietica e della Iugoslavia nei primi anni Novanta condussero a numerose secessioni, per la prima volta in gran parte sancite da referendum popolari. Nacquero così Armenia, Georgia, Azerbaijan, Estonia, Lettonia, Lituania, Ucraina, Bielorussia, Turkmenistan, Uzbekistan, Kazakistan, Tagikistan, Kirghizistan, Moldavia, Slovenia, Croazia, Macedonia e Bosnia-Erzegovina. La dissoluzione della Iugoslavia si completò con la secessione del Montenegro nel 2006 e del Kosovo nel 2008.

90 russia91 yugoslavia

Le sole altre secessioni avvenute negli ultimi decenni furono quella dell’Eritrea dall’Etiopia nel 1993, quella di Timor Est dall’Indonesia nel 2002 e quella del Sud Sudan dal Sudan nel 2011. Tutte queste secessioni avvennero al termine di lunghi decenni di guerra e furono sancite da referendum.

93 etiopia2002 indonesia 2011 sudan

Annunci