Perché gli USA non sono più forti come in passato

Per la prima volta dalla fine della guerra fredda nel 1989, la supremazia militare degli Stati Uniti sulla scena internazionale non è più indiscussa. Gli USA rimangono la più grande potenza militare del mondo, ma la loro capacità di sconfiggere qualsiasi possibile paese avversario non è più ovvia. «Il predominio americano sui mari, nei cieli e nello spazio – per non parlare del cyberspazio – non può più essere preso per scontato», ha ammesso lo scorso anno il segretario americano alla difesa.

Come racconta un articolo dell’Economist di questa settimana, la Cina e la Russia appaiono sempre più in grado di competere con la supremazia militare americana, e sempre più pronte a sfidarla. Per fronteggiare questa situazione, i dirigenti militari americani invocano l’adozione di una “terza strategia di offset”. Offset significa deviazione rispetto allo stato delle cose: una strategia di offset è una strategia che punta ad acquisire una tale superiorità tecnologica e militare sugli avversari da garantire la vittoria contro di loro in caso di conflitto (al netto di eventuali attacchi nucleari).

La prima strategia americana di offset venne lanciata nei primi anni Cinquanta, per contrastare il grave squilibrio tra le forze convenzionali sovietiche e occidentali in Europa. Gli Stati Uniti puntarono sul rafforzamento del loro arsenale nucleare, e la strategia funzionò per alcuni anni.

Alla metà degli anni Settanta, dopo la sconfitta americana in Vietnam, ci fu bisogno di una seconda strategia di offset. Gli Stati Uniti svilupparono i missili di precisione, i satelliti di ricognizione, il sistema GPS, gli aerei “invisibili”, e così via. La superiorità tecnologica riconquistata dagli americani fu particolarmente evidente durante la guerra del Golfo nel 1991, con la distruzione rapida degli armamenti sovietici di cui disponeva l’Iraq.

Perché la seconda strategia di offset ha smesso di funzionare? Il cambiamento decisivo accaduto negli ultimi vent’anni è stato il grande aumento della circolazione globale delle innovazioni, favorito soprattutto da internet. Le innovazioni tecnologiche circolano molto più velocemente che in passato, e la loro adozione è molto meno costosa. Alcune tecnologie su cui si fondava la seconda strategia di offset sono ormai ampiamente disponibili per tutti, come la capacità computazionale, la gestione di grandi quantità di dati e l’uso di sensori sofisticati.

Secondo l’Economist, in questi ultimi venti anni l’esercito americano ha perso capacità di innovazione, in parte per i notevoli tagli effettuati al bilancio militare e in parte per le sempre più profonde divisioni tra repubblicani e democratici, che hanno ridotto la capacità politica di guidare l’innovazione negli Stati Uniti. Nello stesso periodo, gli avversari degli USA hanno ridotto di molto il loro svantaggio tecnologico – soprattutto la Cina, il cui bilancio militare cresce del 10% all’anno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...